Su Anna Laura Millacci e Massimo Di Cataldo

Abbandono tutte le ipotesi perché saranno eventualmente magistratura e forze dell’ordine a fare chiarezza, a decidere se sia l’ennesima violenza fra le falsamente protettive mura di casa o un clamoroso caso di diffamazione o  chissà che altro intrigo vorranno ipotizzare gli investigatori da tastiera.

Una è la certezza: quando alla violenza si risponde con la violenza immaginando roghi, punizioni, torture, castrazioni senza la capacità di fare un’analisi e proporre una soluzione che possa essere preventiva e non solo punitiva si è già perso.

Uno il terribile dubbio: che davvero il sistema sia così incapace di reagire alla violenza sulle donne, e purtroppo le cronache ci danno ogni giorno tragici motivi per pensarlo, da arrivare a escogitare strade alternative così clamorose e disperate.

Annunci

2 thoughts on “Su Anna Laura Millacci e Massimo Di Cataldo

  1. Ho attraversato questa esperienza in età giovanissima, dai 14 ai 19 anni, ho sempre nascosto tutto perché subivo anche minacce di morte. Quando tutto è finito, sono diventata una ribelle e non ho più peremesso a nessuno di mettermi un dito adosso, e ho imparato a riconoscere le persone che hanno questo maledetto vizio nel sangue.
    L’unica cosa che ho capito è che deve essere la vittima ad allontanarsi dal carnefice al primo “incidente”, senza cercare di capire, scusare o attendere che passi.
    Solo la prevenzione funziona. “Dopo” è sempre troppo tardi per qualunque cosa.

    • Non sai quanto sono d’accordo! E ancora non si riesce a parlare di istituire l’educazione ai generi e ai sentimenti già dal nido e di prevedere una formazione obbligatoria degli insegnanti in merito. Inutile pensare ad inasprimenti di pena perchè appunto quello è il dopo. nel frattempo siamo già state picchiate, violentate, uccise.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...