Le primarie ai tempi di Matteo

Prostrati da quindici anni di imperversare berlusconiano, affranti dallo spread e dalla spending review dei tecnici del taglio, i cittadini italiani non potevano neanche immaginare quale dura prova ancora li attendesse: le primarie del centrosinistra.

Inventate da Bersani, invocate a gran voce dal sindaco Renzi, si sarebbero abbattute sulla stremata popolazione con la forza di un tornado.

Per mesi e mesi avrebbero turbato i loro sonni già tormentati incombendo da tutti i telegiornali, da tutti i talk show, da tutti i social network, da tutti i bar.

–          Voglio fà le primarie, voglio fà le primarie, voglio fà le primarie!

–          Mo va bene! Mo fazzamogliele fare le primarie al ragasso, sarà una cosa bellissima!

–          O icchè tu dici, Pierluigi, t’ho detto che voglio fà le primarie!

–          Mo caro ragasso, abbi un po’ di pasiensa, fazzam l’assemblea e si mettono al voto.

–          ‘Untunn’hai capito, Pierluigi, se te tu fai votà l’assemblea ‘untussei  punto democratiho!

–          Mo guarda lì, benedetto ragasso, non so più cosa fare per farlo contento…

–          E te lo diho io icchè c’è da fare: te, D’alema, la Bindi e tutto ‘ì partito vi lehate di tre passi e io vo a Roma. Ma co’ ‘ì sorriso.

–          Mo zi son delle regole! Dai tranquillo che non siam qui a spettinar delegati, te le fazzo fare. E fazzo pure il ballottaggio così siam sicuri che quello che vinze sarà il candidato di tutti.

–          E ‘un lo voglio il ballottaggio, e ‘un lo voglio il ballottaggio, e ‘un lo voglio il ballottaggio.

–          Allora ragassi, vediam di far le cose per benino, che sennò magari mi zi riman male e z’ha pure il trauma! Cambiam ‘sto statuto e organizziamo la festa della partezipazione. Un po’ di regoline zi vorranno, proprio per non far venire cani e porci, zusto che dicono che son di zentrosinistra (sinistra no, che è troppo) e via.

–          Bellino lui, ora li vole pure di centrosinistra! E senza la destra, e ‘un si vince! E son loro che c’hanno in mano il Paese, che li voi lascià fori?

Alla conclusione di estenuanti trattative e con  immenso travaglio si arrivò finalmente a modificare lo statuto e stabilire le regole e il popolo tutto tirò un immenso sospiro di sollievo. Finalmente sarebbe finito il tormentone. Ah, quale inganno, quale terribile illusione!

–          E ‘un le mi garbano codeste regole,  ‘un le mi garbano codeste regole,  ‘un le mi garbano codeste regole!

–          O santo zelo! Non si riesce a farne una che gli vada bene! Mo dimmi un po’ te cosa z’è che non va!

–          Te t’hai fatto un percorso a ostacoli perché ‘un tu voi che io vinca, ecco! Te tu potevi fà l’iscrizioni wiki che così i babbioni ‘un s’iscrivevano e vincevo io e invece te tu fai l’iscrizioni nelle sedi d’ì partito e un monte di gente ‘un ci vole entrare lì, che gli fa schifo

–          Mo caro ragasso, dovranno ben firmare l’adesione al programma del zentrosinistra, dovranno ben prenderlo uno strazzo d’ impegno!

–          Ancora con st’impegno! Ma noi ci s’ha un sogno, altro che impegno! Che se ‘un si sogna ‘un si va da punte parti, che i sogni s’hanno da tirà fori dai cassetti e s’hanno da mettere online!

–          Mo mettilo pure online ‘sto sogno e fazzamola finita! Che siam tutti in grado di sognare, eh, mica solo te!

E fu così che di battibecco in battibecco, di intervista in talk show, tra camper che scorrazzavano per la penisola e pompe di benzina che disvelavano origini, tra accuse agli scagnozzi e avvistamenti di infiltrati,  si arrivò al giorno fatidico. LE PRIMARIE! Code, euro, schede, voto e … IL BALLOTTAGGIO!

–          E voglio cambià le regole d’i ballottaggio, e voglio cambià le regole d’i ballottaggio, e voglio cambià le regole d’i ballottaggio!

Stremati dall’evolversi continuo degli eventi gli attoniti cittadini non poterono far altro che attendere con rassegnazione il ballottaggio, sentendo un brivido di terrore scorrere vertebra per vertebra al solo pensiero delle ELEZIONI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...